· · | Virtual Tour

Virtual Tour dello stupendo paesino di Pescocostanzo in Abruzzo.



Comune italiano di 1118 abitanti in provincia dell’Aquila in Abruzzo. Considerato uno dei borghi storici d’Abruzzo, è sede di un’omonima stazione sciistica che è di proprietà e gestita da un’azienda privata. Il comune è membro del Club “I borghi più belli d’Italia“. Per le sue bellezze storiche ed artistiche ed il suo intatto contesto urbanistico medievale.

È situato nella regione degli Altipiani maggiori d’Abruzzo, un territorio dominato prevalentemente da pascoli. Situata ad un’altitudine di 1400 m s.l.m. alle pendici del Monte Calvario (1743 m) dove è posta anche la stazione sciistica che fa parte del comprensorio dell’Alto Sangro. Pescocostanzo domina la conca dell’altopiano del Quarto Grande. Appartiene alla comunità montana Alto Sangro e altopiano delle Cinquemiglia.
La fondazione di Pescocostanzo viene fatta risalire al X secolo. Fin dai primi secoli si dimostrò prevalente sui centri circostanti, mostrando però rapporti movimentati nei confronti di feudatari ed istituzioni religiose.

Il terremoto del 1456 che devastò l’Abruzzo offrì le condizioni al borgo per cambiare l’assetto urbanistico, con l’afflusso di una massiccia colonia di maestranze lombarde. Questo singolare evento lasciò la sua impronta nel tessuto sociale e culturale del paese.

Tra l’altro si conserva l’uso del rito ambrosiano nelle cerimonie di battesimo celebrate nella Basilica di Santa Maria del Colle. Con il dominio di Ferdinando I d’Aragona fin dal 1464 Pescocostanzo ebbe uno statuto che garantì per l’appartenenza al regio demanio per qualche tempo, godendo delle relative libertà. Successivamente il controllo della cittadina fu affidato a feudatari. La formazione nel tempo di una classe sociale economicamente solida e culturalmente elevata portò ad uno stato di benessere e di un’efficiente amministrazione…………..[continua]

Fonte Wikipedia


No Comments

Leave a comment